temp-thumb
temp-thumb
temp-thumb
temp-thumb

    • Da un piccolo posto...nasce "il panino più buono del mondo"!

    • "Una rosa è una rosa è una rosa è una rosa" scriveva Gertrude Stein. Può darsi. Quello di cui siamo certi è che un panino non è un panino non è un panino non è un panino. Potrebbero assomigliarsi, stesi nella loro vetrina, ma c'è un panino con quel qualcosa in più che lo fa essere indimenticabile, raccontabile, digeribile, vogliosamente ripetibile.
      C'era una volta una piccola panineria elegante, ma non troppo, in Corso Magenta. Era frequentata soprattutto da affezionati frettolosi che non potevano permettersi un pasto completo. Insomma, per quanto buona, era un ripiego. C'erano nell'82 due ragazzi vogliosi di fare qualcosa di nuovo che rimanesse nel tempo, e con tanta voglia di lavorare.
      Da un piccolo posto e una via elegante nasce... il panino più buono del mondo.
      Quello dietetico, che non ti fa ingrassare, ma ti nutre perché tutto è calibrato. Quello consigliato anche al palato più diffi cile, perché è una mistura di gusti che non si dimenticano.
      Il Corriere della Sera, quando aprì la prima succursale della de santis all'ultimo piano della Rinascente titolò il pezzo "Ed è subito pera". I 1.000 invitati si erano infatti buttati su quel panino croccante alla pera che diventò il distintivo di una serata dedicata al gusto.
      La piccola bottega in via Magenta esiste ancora: è la mamma di tanti fi glioli sparsi per il mondo, ma il panino che manda nel mondo non è globalizzato. Lui è assolutamente personalizzato; si riconosce al primo gnam.
      In più c'è il Catering: tutti dicono che è buono, anzi buonissimo. E poi alla fi ne tutto scompare, e la casa torna come prima. Insomma, i panini di de santis sono entrati nel mito e hanno anche cambiato il modo di ricevere. Adesso i giovani alla moda, invece di un primo e un secondo, chiedono di avere a casa un panino calibrato. È un modo nuovo di ricevere, molto più ricercato del solito risotto.
      de santis ha molti punti vendita, ma si sa anche di una signora dell'alta società che volendo dare una festa indimenticabile chiamò de santis e fece allestire una lunga tavola con tutti gli ingredienti di quei panini che venivano fatti al momento per i suoi ospiti. Fu una serata memorabile, ancora se ne parla: in molti l'hanno copiata. Ah, i panini di de santis!


      Lina Sotis